Si ma tu sei ancora giovane

 

 

Ho ascoltato una canzone triste bevendo due bicchieri di vino, perché quando si riflette lo si fa col vino e con la musica.

Io non conosco altro modo.

E con i piedi infagottati nelle  calze da sci, incrociati davanti a un orchidea selvatica cymbidium, che quelle normali mi crepano, ho tirato le somme.

E’ venuta fuori una cosa più o meno così:

TEMPO +

ESPERIENZA =

NOSTALGIA

In  poche parole vuol dire che io a sei anni  sulla bici a quattro ruote ci stavo benissimo.

Con l’apparecchio ai denti e la gonna rosa che parevo un piccolo tricheco con la frangetta, io stavo da Dio.

Mi sbucciavo il malleolo un giorno si e l’altro pure sull’attacco del pedale.Le routine ausiliare montate dal papà – eroicamente, aggiungerebbe il tricheco di allora-  si sollevavano sulle buche e per un attimo pensavo di cadere; ma l’attimo dopo ero tronfia, integra e su due ruote, anche se per un istante solo .

Niente esperienza ancora, e poco tempo (avevo sei anni)…chi cazzo la conosceva la nostalgia?

Averlo saputo sai le pedalate che collezionavo.

Passiamo buona parte della vita a sentirci dire ” Eh si …ma tu sei ancora giovane”, e quando te la dicono questa frase  mica l’ascolti, mica la senti la nostalgia che c’è dietro.

E’ come quando stai a cena con uno che ti piace e quello ti versa il vino; lo bevi, lo assapori, lui ti chiede: “com’è?”

Tu sorridi, distratta. Ma a te non   importa del vino, e forse manco di lui.  Nella testa hai quel macchissenefrega, che rende tutto più facile, più felice.

Ecco, quel macchissenefrega prima o poi ti abbandona.

Coincide più o meno con il momento in cui smettono di dirti “Eh, si…ma tu  sei ancora giovane”.

Che poi, alla fine, sta frase : ma che vuol dire?

Al di là della variabile tempo, su cui non si discute, a meno che uno voglia falsificare date di nascita, documenti…ci ho già pensato ma questa è un’altra storia.

E comunque il ritorno del macchissenefrega non è garantito.

 

“Eh, si… ma tu sei ancora giovane”

L’accezione di privazione,  che fa della gioventù un momento ignaro, inadeguato, improprio. Come se essere giovani ci privasse di qualche strana attitudine comportamentale, o tenesse lontani gli arcani misteri della vita. E allora alla fine un po’ ti affanni per farla passare questa inadeguatezza. Questa gioventù.

E ci riesci.

E piano piano il “Eh, si …ma tu sei ancora giovane  ” se ne va , te lo dicono in pochi. Compresa la nonna, non barate.

Ma non sei felice.

Cominci a preoccuparti quando ricordi perfettamente l’ultimo che te l’ha detto, e non era un parente. Anzi, lo ricordi perché hai un dubbio. Che subito dopo averlo detto abbia  inarcato il sopracciglio.

“Giovane poi, mica tanto”, lo ha detto o l’hai immaginato?

Fatto sta che all’improvviso ti ritrovi dall’altra parte.

Ma tu non hai realizzato. Perché questa età adulta a te non ti ha regalato un cazzo.

Mi fanno ridere quelli che berciano di età adulta, maturità, traguardi, momenti consapevoli e sudati.

Ma de che.

Io sulla bici ci torno seduta stante. Con tutte le mie inconsapevolezze, le mie paure…e pure con l’apparecchio ai denti  che ero brutta forte.

Al massimo posso azzardare un due ruote invece che quattro,  giusto per il piacere del rischio, quello che l’età adulta mi ha rubato.

 

 

Pubblicità

Autore: logout2016

Ego adepto terebravisse, ita scribo. O almeno così traduce google.

2 pensieri riguardo “Si ma tu sei ancora giovane”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: