Di jeans, cavatappi e sushi

jeanscavatappiSushi

Oggi sono andata a fare spesa all’ipercoop. Ho parcheggiato l’auto nel parcheggio sotterraneo, sempre al solito posto, in fondo a destra vicino alla colonna, perché sono abitudinaria. E poi perché quel posto è vicino all’ascensore, che non prende mai nessuno, e io, da buona sociopatica, odio le scale mobili.

In ascensore una vecchietta distratta mi è montata sopra con il carrello, o meglio ha acciaccato il mio piede destro infortunato da gennaio; distorsione in palestra più caduta rovinosa di scalandrino sopra e di boccia di fisiologica in sala operatoria, quando era in via di guarigione. Dopo lunghe passeggiate in montagna  cominciavo davvero  a stare meglio, a credere di poter guarire. Invece no. Ora so che il mio destino è camminare come il Dottor  Gregory House. Per sempre.

Entrata nell’ipermercato mi sono diretta in prima battuta da Zara, dove non ho trovato assolutamente una mazza di indossabile, nessun vestito decente. Mai successo.  Come se avessero decapitato lo stilista usuale e sostituito con un decerebrato  daltonico.

Allora motivatissima mi sono spinta da H&M dove di solito acquisti facile, spendi poco, e se sei determinata, nella busta della spesa ci infili pure un paio di mutande e un rossetto, che fa tanto effetto risparmio tempo. Volevo comprare dei jeans. Facile no? Poi da H&M c’è tutta una parete di jeans. Già. Una parete… Al sedicesimo paio di jeans di cui leggevo le caratteristiche sono stata colta da un dubbio: o io sono una troglodita o non sono più fatta per questa era, il mondo è andato così veloce in questi 37 anni, e io non ci capisco più una mazza. Va beh dai, direte, jeans a vita alta, a vita bassa, elasticizzati o non. Eh no cari miei, no.  Così era nei benamati anni ’90. Ora da H&M (non oso pensare in un negozio che vende solo jeans) ci sono gli skinny , gli ultraskinny, gli skinny comfort, gli skinny high waist, gli ultraskinny ma a vita low, poi ci sono i regular, più comodi si, ma o push up per tirare su il culo o normali, perché o ce l’hai su di tuo o magari ti piace che cada giù , non ho ben capito. E poi ci sono quelli a cavallo basso, morbidi sulle anche, hip qualcosa, con gli strappi o senza, e sempre col solito sottogruppo tira il culo su o lascialo giù. A tale disagio si aggiunge il discorso taglie, alcuni hanno le nuove taglie europee quindi a una 42 corrisponde una 38, altri le vecchie quindi una 28. Alcuni costavano 9,90 euro altri 49,90 euro e a me sembravano identici. Poi mi sono accorta che confondevo un regular fit a vita alta con un ultra skinny a vita bassa. Allora sono fuggita senza manco comprare un lucidalabbra, perché avevo paura.

Sono andata ad acquistare  il sushi per mio marito al supermercato. E già che ci sono mi sono detta, compro pure un cavatappi, così smettiamo di rompere i coglioni alla vicina, che a dirla tutta non è manco tanto affabile. Io di cavatappi ne avevo due, regalati da amici. Tutti divelti. O siamo degli ubriaconi, o ci hanno regalato cavatappi di merda oppure i tappi di sughero dell’ultima generazione sono fatti con l’amianto. Comunque preso il sushi mi sono diretta al reparto utensili-attrezzi da cucina. Non puoi sbagliare, deve essere lì il cavatappi. E ho cominciato questo lungo peregrinaggio in su e in giù per il reparto attrezzi-utensili. Era come stare di fronte a una parete aliena. Non c’era nulla di utilizzabile, nulla che avesse un senso. E soprattutto non c’erano cavatappi. Indispettita, dopo un’ora circa, spingendomi anche nel reparto cesso che sia mai lo abbiano messo lì, che so, vicino allo scovolino, mi sono messa a contemplare sta parete aliena. C’erano spatole, spatoline, spatolette e cose come scola barattoli o termometri da frigorifero, per dirne due, di assolutamente inutili. Poi in fondo, nascosto e anche demodè  c’era lui, il cavatappi. Lì lo chiamano tire-bouchon. Ne ho preso uno, tascabile, per non sentirmi meno idiota della situazione. Quindi mi sono diretta esausta alla cassa, con un sushi e un tire-bouchon tascabile. A tradimento mi è passato avanti un ometto di circa 102 anni che giuro, non faceva spesa dal primo dopo guerra, e intendo la Grande Guerra. A parte che ok si la galanteria è morta, ma ho solo due cose ho pensato, si accorgerà. Niente, come un treno si è portato avanti. Cafone. Ho pensato che se uno è cafone pure la spesa deve esserlo. Non comprerò mai più  nulla della Zuegg. Il cafone anziano aveva comprato nell’ordine: quattro marmellate della Zuegg, succo di frutta della Zuegg, yogurt Zuegg e infine polpa di mirtillo Zuegg. Mentre zitta e carina mi accodavo al cafone sento una voce provenire da dietro, in un perugino compiaciuto un bifolco mi fa “oh, scusa eh, ma che quista sarìa la cassa veloce? No perché noialtri (lui e l’amico sempre bifolco) c’avemo solo quattro cose”…Volevano pure passarmi avanti, a me, col sushi e il tire-bouchon.

Ho immaginato di strozzarlo con un paio di jeans ultraskinny push up.

La mia prossima spesa la faccio al Conad di Pila,  sotto casa, dalla signora con le meches giallo-verde che glie le fa la cognata in una di quelle parrucchierie con gli arredi rosa e la scritta fuori “Marta”.

Oggi sogno una vita alla Captain Fantastic, anzi Captain Pila Fantastic, e  se c’è Viggo Mortensen pure meglio.

 

 

Pubblicità

Autore: logout2016

Ego adepto terebravisse, ita scribo. O almeno così traduce google.

4 pensieri riguardo “Di jeans, cavatappi e sushi”

  1. Dopo la neve e l’ aria fresca di montagna, in compagnia di gente solare, deve essere davvero dura trovarsi davanti un cafone di 102 anni e dietro un altro cafone non ben definito con sushi e cavatappi, senza un straccio ( manco a dirlo!) di jeans in disable. Coraggio se di domani non v’ e’ certezza, l’ oggi e’ tutto guadagno con risparmio, ovviamente non di risorse fisiche.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: