Persone tristi e alberi abbattuti

Oggi hanno abbattuto  il mio Pino. 

Non era proprio il mio. 

Mi è dispiaciuto. Molto.

Abbattuto e sminuzzato.

Aveva almeno quarant’anni, se le mie nozioni da scout non mi ingannano, e rubava il sole.

Faceva della nostra casa una cripta oscura.

Ma gli volevo bene. 

Rubava la luce al mio condominio da almeno sette anni. 

Io al buio sto da Dio,  gli altri meno.

Mi sono sentita come un Na’vì a cui distruggono la foresta di Pandora.

E allora ne ho preso un pezzo, per farne un tavolino.

Un tavolino con quaranta anni di memoria.

Una memoria  nel legno, che sa di siccità e di umidità, di anni felici e di anni stentati, un resina appiccicosa che sa di vita.
Quaranta anni concentrici, intarsiati nel legno.

Perché è glorioso essere albero.

Non oggi però.

Perdonaci.

Autore: logout2016

Ego adepto terebravisse, ita scribo. O almeno così traduce google.

1 commento su “Persone tristi e alberi abbattuti”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: